Tamaris 11 25786 39 003 Nero

B076QJL82Q
Tamaris 11 25786 39 003 Nero
  • Donne
  • Materiale superiore: pelle
  • Materiale interno: tessile
  • suola: sintetico
  • Chiusura: cerniera
  • forma del tallone: ​​tallone a blocchi
Tamaris 11 25786 39 003 Nero Tamaris 11 25786 39 003 Nero Tamaris 11 25786 39 003 Nero

Wrangler Creek Wm172000 Dirty Tan / Mens Lace Boots Brown / Stivali Allacciatura / Chukka Stivali Tan Sporchi

Per tutto c’è il suo tempo, c’è il suo momento per ogni cosa sotto il cielo
(Ecclesiaste 3:1)

Le peculiarità dei singoli Paesi hanno dovuto cedere il passo a una serie di problematiche che sfidano i limiti convenzionali fissati dalla nozione classica di Stato-nazione.

Sono i rischi globali ad aver destato una maggiore attenzione negli ultimi tempi. Si tratta di un accadimento, o meglio di una condizione incerta, che, se non affrontata, porterebbe con sé un impatto negativo tale dal provocare seri danni nei prossimi 10 anni.

in Share
Adidas Mens Keel Zehentrenner Rojo / Blanco / Plata buruni / Ftwbla / Plamet
Share on Tumblr

 Leggi tutto...

Obama, l’ordine internazionale e l’Europa free-rider

President of the European Council, Herman Van Rompuy, and President of the United States, Barack Obama, shake hands concluding the EU-US Summit, Washington, 28 November, 2011 (fonte flickr)

In una lunga intervista di Jeffrey Goldberg, publicata su The Atlantic (April 2016), intitolata The Obama Doctrine, il Presidente americano Barack Obama discute delle linee fondamentali della sua politica estera, fornisce qualche indicazione sul futuro dell’ordine internazionale e fustiga l’Europa per la sua incapacità di assumersi responsabilità internazionali. Una breve sintesi di questa intervista e qualche commento sono necessari per evidenziare i meriti di un Presidente che si è trovato a gestire una difficilissima situazione interna e internazionale.

Video di Yuri Ancarani, Gaëlle Boucand, Chen Chieh-jen, Willie Doherty, Harun Farocki / Antje Ehmann, Pieter Hugo, Ali Kazma, Eva Leitolf, Armin Linke, Gabriela Löffel, Ad Nuis, Julika Rudelius e Thomas Vroege

La Fondazione MAST presenta per la prima volta dalla sua apertura un progetto espositivo interamente dedicato all’immagine in movimento, con 18 opere di 14 artisti internazionali. Se finora il racconto dell’industria e del lavoro è passato attraverso un percorso scandito dalla narrazione fotografica, in questa mostra sono i video a darne una rappresentazione visiva. Mediante l’interpretazione filmata della realtà, lo sguardo della videocamera è in grado di testimoniare la mutabilità di un mondo – quello del lavoro e della produzione ­– in rapida trasformazione, descrivendo in modo immediato e coinvolgente cambiamenti, evoluzioni e rotture.

I video di questa mostra mettono in luce il cambiamento in atto nel mondo dell’industria, vagano senza sosta negli impianti che si svuotano, mentre in altri luoghi le macchine continuano a battere e fischiare e in altri ancora la produzione procede nel silenzio assoluto, ma a ritmo vertiginoso e ad altissima precisione. Queste opere ci accompagnano attraverso realtà produttive semideserte perché completamente digitalizzate, così come in fabbriche abbandonate e ormai in disuso. Ci offrono immagini intense degli ambienti di lavoro e di commercio più diversi: dall’attività artigianale di un singolo individuo alla produzione di massa, dal lavoro umano a quello robotizzato, dalla fornitura di energia a quella di beni e servizi high-tech, dallo sviluppo del prodotto alla contrattazione commerciale, dalle sfide di natura legale alle questioni strutturali ed esistenziali legate al sistema economico e alle sue forme di organizzazione collettiva della vita e del lavoro.

Oggi la realtà viene percepita come un insieme di piani paralleli che si affiancano, si susseguono, si sovrappongono. La mostra ne traccia un resoconto visivo attraverso una selezione di video che si configurano come piccole galassie, nelle quali la singola opera ha un valore autonomo ma trova il suo significato soprattutto in relazione alle altre, di cui diventa di volta in volta commento, critica, o tacita risposta. Per essere compreso a fondo e assimilato, il percorso espositivo richiede del tempo in più rispetto alla norma: ciascun visitatore è invitato a trovare il proprio ritmo. Solo così l’intensità spesso toccante, la forza e la ricchezza di queste immagini in movimento potranno restituire con forme, meccanismi narrativi e linguaggi visivi diversi l’evoluzione del mondo del lavoro e della nostra vita. 

  • Cultura
  • Sport
  • Una domanda ritorna con regolarità: cos’è il paesaggio? Il nome e la cosa appartengono a una realtà in movimento: i luoghi perdono man mano la loro leggibilità e noi non governiamo più i nostri paesaggi, omologati dal mercato e dalla globalizzazione. La speculazione edilizia li degrada. Il loro assetto subisce trasformazioni improprie con l’uso e l’abuso di materiali nocivi. Il paesaggio sarebbe dunque perduto? Con questo quesito cerchiamo di salvare le specificità locali, spesso non più riconoscibili tanto da reclamare un’identità in via di estinzione.
    Eppure, un mondo visibile, costituito dalla totalità culturale, etica ed estetica, delle azioni umane continua ad aprirsi allo sguardo. Gli uomini l’hanno creato e lo abitano trasformandolo incessantemente, per esistere: un continuo abitare e costruire.
    Luogo comune di un insieme di luoghi, ogni paesaggio è un ethos dove ogni abitante ha un suo ruolo e una misura: un paesaggio è dove spazia la totalità della vita con le sue forme visibili e invisibili, materiali e immateriali. In perenne movimento. Questo libro apre lo sguardo in direzione del mutamento, insegnando a leggerlo e a trarne piacere. Per un’estetica del divenire.

  • Cinema
  • Libri
  • Un percorso paesaggistico incontra elementi reali e immaginari. Manufatti, vegetali, acque, ambiente biofisico, società, economie formano la trama degli intrecci molteplici di uno spazio peculiare; come la storia con i suoi luoghi unici isolati, i santuari. La pratica di paesaggio interviene su una trama aperta al futuro.

    Un accadere di cose concatenate tra loro, definito dall’accordo delle sue singole parti, dalle cose agli stati d’animo, forma un’immagine unitaria dalla visibilità che supera il suo stesso orizzonte. I grandi autori sono presenti nei luoghi descritti e vissuti; spazi letterari reali e mitici. Ogni individuo, come ente indivisibile, ha il suo posto e
    il suo senso dentro una relazione paesaggistica in rapporto con un altro o l’insieme di tutti, nella molteplice, doppia contemporaneità. Un paesaggio si coglie con l’insieme delle relazioni che gli danno vita, incluse quelle meteorologiche e gli stati d’animo: un’alleanza di ragione ed emozione che anima la tensione dell’esistenza.

  • Logistica Della Borsa A Tracolla Expertin Nero
  • Bambini
  • Quale modello per il futuro?
    Per comprendere meglio la posta simbolica e materiale in gioco, è bene ricordare che  a Milano ci sono più di 250 immobili abbandonati . Senza nemmeno entrare nel doloroso tema degli alloggi popolari sfitti – e delle molte famiglie senza casa – credo che il gesto di Macao aiuti anche a ribaltare il discorso che molti fanno sul degrado.

    Da tempo si è sviluppata un’ossessione dei mezzi di informazione nei confronti del decoro pubblico, di cui è espressione anche la cosmesi decisamente classista contenuta nel  decreto Minniti sulla sicurezza . Una cosmesi che si concretizza sia nei controlli mirati della polizia nei confronti di certe fasce di popolazione ( Borse Da Commedia La Moglie Del Mio Ragazzo Mi Odia Borsa In Juta Manico Corto 38x42cm Colore Bianco / Rosaviola Naturale / Blu Royalazzurro
    ), sia nella ridefinizione delle priorità di gestione urbana.


    Il Museo non è solo il luogo dell'identità,
    della conservazione, della ricerca;
    il Museo è soprattutto il luogo delle possibilità:
    una straordinaria occasione per gli uomini di oggi di contemplare le vette e condannare le miserie del passato per cercare di essere cittadini migliori nella contemporaneità.

    Direttore P. Giulierini

    CHI SIAMO

    AMMINISTRAZIONE

    LINK UTILI

    SEGUICI SU